Scopriamo insieme i carotenoidi

A cosa servono i carotenoidi e cosa sono? Si tratta di pigmenti vegetali di natura lipidica caratterizzati da un colorito acceso, solitamente tendente al rosso e all’arancione, che svolgono una funzione fotoprotettiva per l’organismo, andandolo a difendere di fatto dalla luce in eccesso.

Assorbiti a livello intestinale e assunti attraverso alcuni alimenti, possono svolgere anche una funzione nutrizionale grazie all’elevato apporto di antiossidanti.

Oltre a essere precursori della vitamina A, i carotenoidi sono in grado di neutralizzare i radicali liberi, uno dei nemici principali della struttura cellulare dell’organismo. Inoltre sono un ottimo alleato per il sistema immunitario in quanto la loro azione inibisce il progresso di malattie pre-cancerogene che potrebbero interessare la zona cervicale e orale.

La carenza di carotenoidi nell’organismo al contrario potrebbe portare allo sviluppo di malattie infiammatorie croniche, prima tra tutte l’artrite reumatoide. Negli ultimi anni inoltre si è notato come una loro carenza pare possa favorire tumori ai polmoni, al tratto gastrointestinale, al collo dell’utero e alla pelle.

Dove si trovano i carotenoidi?

I carotenoidi sono contenuti in alimenti di origine vegetale e solitamente quelli che ne contengono in maggiori quantità presentano un colorito arancione e rosso.

Ecco quindi che le principali fonti sono:

  • Carote
  • Zucche
  • Melone
  • Albicocche
  • Angurie
  • Pomodori
  • Peperoni.

Oltre a questi ortaggi, è possibile trovare carotenoidi, seppure in minor quantità, in alcuni vegetali a foglia verde, quali spinaci, cavoli e prezzemolo.

Per preservare questi elementi all’interno dell’organismo è inoltre necessario assumerli associati a grassi, per esempio con un goccio di olio d’oliva spremuto a freddo oppure avocado.

Condividi su:

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Search

+