Perché la vitamina C è importante? Scopri tutto quello che c’è da sapere su questo alleato per la giovinezza dell’organismo

La vitamina C è considerata un alleato per l’organismo a 360 gradi, sia per quanto riguarda l’azione positiva che apporta dall’interno, ma anche per quella sulla pelle, capelli e contro l’invecchiamento cellulare. Insomma, un apporto adeguato di vitamina C non deve mai mancare per contrastare gli effetti del tempo.

L’acido ascorbico, altro nome della vitamina C, è idrosolubile e non potendo essere accumulato nell’organismo, deve essere introdotto con l’alimentazione.

A cosa serve la vitamina C?

La vitamina C gioca un ruolo chiave in una serie di reazioni metaboliche, alla biosintesi di amminoacidi, ormoni e collagene. Sicuramente la proprietà più importante è quella antiossidante, in grado di favorire il rafforzamento del sistema immunitario, prevenire tumori ma anche contrastare i radicali liberi, causa dell’invecchiamento cellulare.

È importante inoltre considerare il legame tra vitamina C e ferro. Spesso infatti viene suggerito di condire con limone alimenti ricchi di ferro in quanto viene innescato un meccanismo chimico che ne favorisce l’assimilazione.

Una carenza di vitamina C provoca lo scorbuto, patologia in passato molto diffusa e connessa allo scarso consumo di cibi freschi. I principali sintomi connessi a questo problema sono anemia, apatia, inappetenza, dolori muscolari ed emorragie sottocutanee.

Vi è inoltre la possibilità che si verifichi invece un eccesso di acido ascorbico per via di una dieta poco bilanciata o un consumo eccessivo di integratori. In questi casi si potranno avere problemi ai reni, calcoli ed eccesso di ferro nel sangue, ma non solo, anche emicranie ricorrenti, bruciori di stomaco, fastidi gastrointestinali, debolezza e vampate di calore.

Vitamina C: in quali alimenti è contenuta?

La vitamina C è contenuta in alimenti freschi, frutta e verdura in primis. Quelli che ne offrono un maggior apporto sono:

  • Arance
  • Limoni
  • Mandarini
  • Kiwi
  • Ribes nero
  • Crescione
  • cavolo
  • Spinaci
  • Broccoli
  • Pomodori
  • Peperoni
  • Fragole
  • Patate.

È importante sottolineare però che la vitamina C si disperde in caso di cottura in acqua ad alta temperatura, quindi un consumo a crudo o una rapida cottura rappresentano le soluzioni migliori per consumarli. Anche un lavaggio eccessivo potrebbe provocare la dispersione di questa vitamina, pertanto meglio evitare di lasciarla ammollo per troppo tempo.

Condividi su:

6 Comments

  1. […] si caratterizza anche per un apporto vitaminico eccezionale. Contiene, in grandi quantità, le vitamine A, C, E, K e quelle del gruppo B. In quanto a sali minerali si segnala la presenza (abbondante) di potassio, […]

  2. […] è spiccatamente aromatico e ricco di sentori dolci. E’ ricco di vitamine, in particolare la vitamina C, nonché di sali minerali, esattamente come qualsiasi altro agrume. Il kumquat viene applicato in […]

  3. […] Ricche di potassio, garantiscono un’ottima azione vasodilatatrice. Inoltre, sono caratterizzate dalla presenza di vitamina C. […]

  4. […] l’elevata concentrazione di proteine, minerali e vitamine. Il riferimento è al magnesio, alla vitamina C e alla vitamine […]

  5. […] sapevate che per il fabbisogno giornaliero di vitamina C, è sufficiente consumare 2 o 3 arance al giorno? Ebbene sì, il frutto dell’arancio (Citrus […]

  6. […] una pianta viene tagliata inizia una reazione chimica che rapidamente distrugge la componente vitaminica C della pianta, specie se aumenta la sua superficie esposta (sbucciandola, tagliandola, tritandola o […]

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Search

+