Microbiota

Microbiota intestinale e celiachia

Il nostro organismo ospita almeno 100 trilioni (1014) di cellule microbiche (Whitman et al., 1998) e 1000-1500 specie batteriche (Qin et al., 2010), hanno un ruolo fondamentale nel mantenimento dello stato di salute e malattia e sono spesso indicate come il “forgotten organ” (O’Hara and Shanahan, 2006).

Il “gut microbiota” rappresenta la complessa comunità di microrganismi simbiotici (batteri, archebatteri ed eucarioti) presenti a livello del tratto intestinale: varia da individuo ad individuo, cambia in base all’età, alle abitudini alimentari, allo stato di stress, all’utilizzo di farmaci e può essere paragonato ad una vera e propria impronta digitale. Il microbiota cresce e cambia insieme a noi. Un microbiota eubiotico è un sistema in equilibrio, caratterizzato dalla presenza di specie benefiche appartenenti principalmente ai phylum dei Firmicutes e dei Bacteroides; in caso di disbiosi si ha una progressiva disorganizzazione della flora intestinale fisiologica ed una graduale e conseguente sostituzione con batteri patogeni (Zhang et al., 2015).

Recenti studi hanno suggerito come la disbiosi intestinale possa svolgere un ruolo fondamentale in caso di celiachia: è stato evidenziato come il microbiota intestinale sia in grado di attivare l’immunità innata (Szebeni et al., 2007) e come pazienti celiaci siano caratterizzati da una riduzione delle specie benefiche e da un incremento di quelle potenzialmente patogene.

La celiachia è un’enteropatia scatenata in soggetti geneticamente predisposti in seguito ad ingestione di prodotti contenenti glutine; è un’intolleranza permanente la cui sintomatologia non è evidente nell’immediato.

In pazienti celiaci, sono state evidenziate una riduzione della diversità a livello della popolazione dei bifidobatteri, elevate concentrazioni di Bacteroides- Prevotella, Clostridium Histolitycum, Eubacterium rectal-C coccoides, Atopobium ed alcune specie specifiche, Lactobacillus curvatus, Leuconostoc mesenteroides e carnosum (Sanz et al., 2007; De Palma et al., 2009; Di Cagno et al., 2011; Marasco et al., 2015). Risultati analoghi sono stati ottenuti, nel 2009, da Collado ed i suoi collaboratori che, in soggetti celiaci, evidenziarono una riduzione dei Bifidobacterium nelle feci, una maggior abbondanza di Bacteroides e Clostridium leptum non solo nelle feci ma anche nelle biopsie intestinali, ed elevati livelli di

  1. Coli e Staphylococcus in caso di dieta contenente glutine.

Il microbiota fecale può essere un buon indicatore di disbiosi intestinale e può essere utilizzato per monitorare il ripristino della flora eubiotica durante una dieta priva di glutine.

BIBLIOGRAFIA

Collado MC, Donat E, Ribes-Koninckx C, Calabuig M, Sanz Y. Specific duodenal and faecal bacterial groups associated with paediatric coeliac disease. J Clin Pathol. 2009;62:264–269.

De Palma G, Nadal I, Collado MC, Sanz Y. Effects of a glutenfree diet on gut microbiota and immune function in healthy adult human subjects. Br J Nutr. 2009;102:1154–1160.

Di Cagno R, De Angelis M, De Pasquale I, et al. Duodenal and faecal microbiota of celiac children: molecular, phenotype and metabolome characterization. BMC Microbiol. 2011;11:219

Marasco G, Di Biase AR, Schiumerini R, Eusebi LH, Iughetti L, Ravaioli F, Scaioli E, Colecchia A, Festi D. Gut Microbiota and Celiac Disease. Dig Dis Sci. 2016 Jun;61(6):1461-72. doi: 10.1007/s10620-015-4020-2.

O’Hara AM, Shanahan F. The gut flora as a forgotten organ. EMBO Rep. 2006; 7:688–693. [PubMed: 16819463].

Qin Li R, Raes .1, ci al. A human gut microbial gene catalogue established by metagenomic sequencing. Nature. 2010;464:59-65 8.

Sanz Y, Sa´nchez E, Marzotto M, Calabuig M, Torriani S, Dellaglio F. Differences in faecal bacterial communities in coeliac and healthy children as detected by PCR and denaturing gradient gel electrophoresis. FEMS Immunol Med Microbiol. 2007;51: 562–568.

Szebeni B, Veres G, Dezsofi A, et al. Increased mucosal expression of Toll-like receptor (TLR)2 and TLR4 in coeliac disease. J Pediatr Gastroenterol Nutr. 2007;45:187–193.

Whitman WB, Coleman DC, Wiebe WJ. Prokaryotes: the unseen majority. Proc Natl Acad Sci USA 95: 6578–6583, 1998.

Zhang CH, Zhang MH, Wang SY, Han RJ, Cao YF, Hua WY et al. (2010). Interactions between gut microbiota, host genetics and diet relevant to development of metabolic syndromes in mice. ISME J 4: 232–241.

Zhang Y.J., Li S., Gan R.Y., Zhou T., Xu D.P., Li H.B. (2015). Impacts of Gut Bacteria on Human Health and Diseases. Int. J. Mol. Sci. 16, 7493-7519.

Condividi su:

1 Comment

  1. […] precisamente si può parlare di disbiosi o microbiota intestinale. Di cosa si tratta? Di una situazione caratterizzata da alterazioni a livello […]

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Search

+