Benvenuto nel Mondo delle Intolleranze
Le allergie e le intolleranze

Le allergie e le intolleranze alimentari nella nostra epoca

Allergie e intolleranze alimentari: negli ultimi anni, tutto è cambiato

Le allergie e le intolleranze alimentari hanno cambiato il modo di organizzare pranzi e cene in molte famiglie. Sono tanti, infatti, i nuclei familiari con uno o più componenti che si ritrovano a dover affrontare queste problematiche e patologie.

È un fenomeno che si espande notevolmente e che, purtroppo, porta a dover rinunciare a molti cibi e a volte anche a feste e incontri con amici e parenti. Per questi motivi, si parla spesso di “alimentazione asociale”.

Dover preparare varie pietanze e lo stare attenti a farlo perché, come ben si sa, è importante evitare anche le contaminazioni, porta a uno stress emotivo e psicologico notevole da prendere in considerazione. Ma la domanda principale da porsi è: perché queste allergie e intolleranze alimentari sono così aumentate negli ultimi 10 anni?

I risultati delle ricerche che non possiamo fare a meno di considerare

Secondo le ricerche fatte ultimamente, tutto parte dalla dieta seguita durante la gravidanza. Infatti, è stato riscontrato che l’alimentazione scorretta può alterare il sistema immunitario della gestante e, di conseguenza, potrebbe trasmettere l’alterazione e le relative problematiche al feto.

Questo è solo il primo dei fattori che causano allergie e intolleranze alimentari. Inoltre, non dobbiamo sottovalutare i pesticidi che si ingeriscono quasi senza accorgersene, l’inquinamento ambientale e, infine, incredibile ma vero, l’allattamento.

Sembra proprio che molte delle allergie e intolleranze alimentari che colpiscono i soggetti partano proprio da quel primo periodo di vita, in cui il bambino si nutre grazie al latte della mamma che, persino in questo caso, potrebbe non seguire un’alimentazione corretta. Negli ultimi decenni, queste problematiche sono notevolmente aumentate, così come le cause e i casi ancora non accertati.

In ogni eventualità, la soluzione migliore rimane quella di consultare un medico fin dai primi sintomi e fare del proprio meglio per abituarsi al nuovo regime alimentare indicato dallo specialista subito dopo aver effettuato la corretta diagnosi.

Altri importanti consigli per chi soffre di allergie e intolleranze alimentari

Proprio considerando l’aumento dei soggetti allergici e intolleranti, le aziende hanno aumentato la produzione di prodotti dedicati, offrendo molte più opzioni salutari e gustose allo stesso tempo. Pertanto, è utile fare molta attenzione a ciò che si compra al supermercato, focalizzandosi principalmente sulle etichette dei prodotti.

Questo vale per chi non soffre di allergie e intolleranze alimentari, ma anche per chi ha già ricevuto la diagnosi. Sono molti, infatti, i marchi che si sono adeguati ai cambiamenti degli ultimi tempi, ma non tutti sono affidabili.

In alcuni casi, tra gli ingredienti è comunque presente qualche alimento che può mettere a rischio il nostro benessere, per non parlare dei cicli di produzione che potrebbero fare spazio alla contaminazione (e quindi aggiungere allergeni al prodotto finito).

Oltre all’attenzione durante la spesa, è sempre un bene informarsi e conoscere tutte le caratteristiche della propria condizione. Infatti, è stato scientificamente provato che, nei primi 25 anni di vita, il sistema immunitario può subire delle variazioni importanti che possono aiutare a mettere al bando alcune allergie e intolleranze alimentari.

Pertanto, è più che ovvio: c’è sempre qualcosa che possiamo fare per star bene e vivere meglio. L’importante è imparare e agire al più presto.

Tiziana Colombo

VIEW ALL POSTS

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *