Perché molte persone hanno un deficit nella produzione dell’enzima lattasi?

I soggetti affetti da intolleranza al lattosio non producono l’enzima lattasi, come mai?

Una delle intolleranze più diffuse a livello mondiale è quella al lattosio, provocata da un deficit nella produzione dell’enzima lattasi da parte dell’organismo umano. Questo enzima ha il compito di scindere il lattosio nelle sue componenti, ovvero glucosio e galattosio, rendendoli digeribili per la persona; nel caso in cui questo non avvenga, la digestione di latte e derivati non avviene e conseguentemente non vengono assimilati dall’organismo portando disturbi allo stesso.

Questo fattore può comportare alcune problematiche, in quanto glucosio e galattosio ricoprono un ruolo fondamentale nello sviluppo dell’organismo umano soprattutto nei primi mesi di vita, in quanto forniscono un corretto apporto energetico e incidono sullo sviluppo del sistema nervoso. Con il crescere degli anni vi è in ogni individuo una progressiva diminuzione della produzione di questo enzima, fino alla completa scomparsa con l’età adulta quando il fabbisogno diminuisce. Talvolta alcuni soggetti lo producono ugualmente, in ridotte quantità, risultando pertanto in grado di sintetizzare il lattosio per tutto l’arco della propria vita.

Intolleranza al lattosio: le cause

Secondo una serie di studi scientifici, la capacità dell’uomo di produrre l’enzima lattasi, rappresenta una mutazione genetica avvenuta in seguito alla modifica delle abitudini dell’essere umano. Infatti inizialmente l’uomo non si nutriva di latte animale, bensì lo ha introdotto tempo dopo la sua comparsa sulla Terra. Così facendo, in seguito per l’appunto a questo cambiamento di abitudini, l’organismo umano ha iniziato a produrre l’enzima, sviluppando attraverso le successive generazioni, una miglior capacità digestiva del lattosio.

Un fattore che rinforza questa tesi è che ad oggi i discendenti di gruppi dediti all’allevamento e alla pastorizia, hanno una maggior propensione a digerire il latte anche in età adulta, rispetto ad altri popoli che invece non si sono mai dedicati a questa attività.

Deficit di lattasi: sintomi

I principali disturbi che possono far pensare ad un deficit nella produzione di lattasi, pertanto ad una conseguente incapacità di scindere lattosio in glucosio e galattosio, sono:

  • Gonfiore addominale
  • Problemi digestivi e gastrointestinali
  • Reflusso gastrico
  • Crampi addominali
  • Danni alla mucosa intestinale e alla flora batterica nei casi più gravi

Il livello di intolleranza non è infatti per tutti uguale, è possibile che un soggetto produca l’enzima lattasi, ma in un quantitativo insufficiente rispetto agli alimenti contenenti lattosio assunti, come invece alcune persone dimostrano la completa incapacità nella sua produzione. Per questa ragione nel caso in cui si sospetti un’intolleranza al lattosio, è bene sottoporsi al Breath Test, esame specifico che evidenzierà la presenza di questa problematica, nonché il livello di sensibilità della persona.

Il rimedio potrà essere una dieta completamente priva di lattosio, o a ridotto contenuto di questo zucchero presente nel latte. In alternativa potrà essere suggerita l’assunzione di specifici integratori di lattasi per consentire alle persone un consumo, seppur limitato, di prodotti caseari contenenti lattosio.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Search

+