Colon irritabile e intolleranza al lattosio: c’è una relazione tra queste due problematiche?

I recenti studi clinici hanno confermato una relazione tra l’intolleranza al lattosio e la sindrome del colon irritabile

Di intolleranza al lattosio abbiamo già parlato tantissime volte, ma per chi non lo sapesse si tratta di un deficit dell’organismo nella produzione dell’enzima lattasi e, di conseguenza, nella capacità di scindere questo zucchero complesso in due semplici, glucosio e galattosio, digeribili dall’organismo.

La sindrome del colon irritabile (IBS) è invece un disordine funzionale dell’apparato gastrointestinale, caratterizzato da dolore addominale e alterazioni dell’alvo, ovvero problematiche nella defecazione. I principali sintomi includono stipsi e diarrea, ma anche nausea, vomito, difficoltà nella digestione e, nei casi più gravi, alterazioni urinarie e disfunzioni sessuali.

I recenti studi hanno messo in evidenza come queste due patologie spesso siano collegate tra loro, portando alla luce come l’intolleranza al lattosio, ovvero l’ipersensibilità a questo zucchero, scateni molto frequentemente problematiche intestinali, fino all’insorgenza della sindrome da colon irritabile.

Quando eliminare il lattosio non serve

È stato inoltre evidenziato come spesso anche l’assunzione di alimenti delattosati non porti ad un miglioramento della situazione a causa del consumo di proteine del latte, le quali risultano colpevoli di andare nuovamente ad infiammare e intensificare i problemi legati al colon irritabile.

Gli esperti sostengono che esiste un legame tra lattosio, sindrome del colon irritabile e proteine del latte, ma suggeriscono anche di non escludere mai completamente i prodotti lattiero caseari dalla dieta, bensì di limitarsi a moderarne il consumo. Questo per ripristinare la tolleranza a tali alimenti e, di conseguenza eliminare le problematiche che colpiscono il colon irritabile.

Chi già soffre di entrambe queste patologie dovrebbe quindi prende in considerazione, sotto controllo medico ovviamente, una dieta nella quale viene ridotto drasticamente il consumo di alimenti caseari per alcuni mesi, in maniera tale da ripristinare la flora intestinale e trovare sollievo e benessere. Trascorso questo periodo reintrodurre a poco a poco tali alimenti andando ad analizzare eventuali ulteriori reazioni infiammatorie dell’organismo che potrebbero ripresentarsi, come anche scomparire.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Search

+