Quando è troppo, è troppo. Davvero ! Parliamo di MCS, la sindrome da Sensibilità Chimica Multipla.

7 Lug 2017 Articoli

Troppo inquinamento, troppo stress ambientale, troppa reattività sembrano essere alla base di una patologia, la MCS – Sensibilità Chimica Multipla –,  identificata da pochi anni e ancora dibattuta in ambito scientifico e medico.

Ma che pur affligge milioni di persone nel mondo, e almeno 300.000 diagnosticati in Italia, che a causa della loro estrema sensibilità se esposti ad ambienti contaminati (e quale oggi non lo è ?!) o a sostanze chimiche, subiscono oltre a malessere generale e stanchezza, irritazione cutanea, sensazione di chiusura della gola o gravi crisi d’asma, vertigini, stati depressivi, dolori muscoloscheletrici e spesso intolleranze alimentari.

Sono costretti ad evitare i luoghi di lavoro o di svago, a non  usare disinfettanti, profumi, detersivi, vernici, toner, inchiostro di stampa etc. In pratica a isolarsi dal mondo, nei casi più gravi.

Caratteristico è il forte fastidio per gli odori, con persino un caso di reazione all’odore della salsa al pomodoro.

 A peggiorare la qualità di vita si aggiunge il fatto che questa patologia in Italia non è ancora riconosciuta in modo univoco, ma a seconda delle Regioni. I sintomi vengono spesso bollati come psicosomatici o scambiati con quelli allergici e come tali trattati, con cortisonici ed antistaminici, a cui però non rispondono.

Pare invece che la patologia sia correlata a cause genetiche e a danni sul sistema metabolico.

A volte  è  ancora classificata come malattia rara : ricordiamoci che inizialmente anche la celiachia era classificata come Malattia Rara. E oggi , invece, quanti sono i celiaci ?

A proposito di MCS si parla anche di TILT, e cioè “perdita di tolleranza indotta da sostanze intossicanti”, che sembra coinvolta anche in altre patologie di difficile diagnosi e trattamento come la fibromialgia e la sindrome da stanchezza cronica.

Gli studi sempre più frequenti sulla MCS aprono nuovi scenari sulle relazioni tra uomo e ambiente e sulle emergenti nuove malattie ambientali.

Condividi su:

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Search

+